mercoledì 19 febbraio 2014

Tempeh in crema di porri, radicchio e zafferano


Pian piano si torna alla normalità. I giorni della scorsa settimana passati dal mattino alla sera dentro all'ospedale mentre c'era il mio compagno, sono stati pesantissimi e io ne sono uscita con una stanchezza infinita che ancora mi trascino.

Tutto serve nella vita, di qualsiasi esperienza bisogna farne tesoro ed anche nei momenti di stanca, bisogna vedere il lato positivo. In ospedale abbiamo conosciuto Roberto, che da Roma veniva per farsi togliere una placca posizionatagli nella spalla dopo un'operazione. La prima sera per telefono, il mio compagno mi chiede se potevo comprare un kg di banane per Roberto, dicendomi che era in ospedale solo e mangiava solo banane, datteri e cose così (mangia strano, sono state le sue parole). Ho pensato subito fosse vegan, quasi sicuramente crudista, e così era infatti. Il giorno dopo abbiamo iniziato a parlare con lui. Alla fine, mi ha regalato un libro di Mantak Chia sul Tao Yoga. E così, abbiamo conosciuto una persona speciale, di cui vi parlerò in un altro post perchè merita di essere conosciuta.
Questa ricetta è quindi " la ricetta della stanchezza ", perchè è una di quelle veloci, dove assembli tutto e poi mangi.Sapete che io amo il tempeh, è la proteina vegetale in assoluto che preferisco. Ecco LUCREZIA, questa ricetta è per la raccolta SALUTIAMOCI, che tu ospiti questo mese.
Perdonate la foto veramente orrida, ma è l'unica che ho fatto prima di mangiare.

Ingredienti ( per due porzioni ):

1 panetto di tempeh al naturale
1 lattina di latte di cocco (bio ed quosolidale nel mio caso)
1 cucchiaio di olio evo
1 radicchio lungo di medie dimensioni
1 pezzo di porro (circa 4/5 cm)
1 pezzo di radice di zenzero fresca (circa 4/5 cm)
1 cucchiaino di dado vegetale granulare (nel mio caso autoprodotto da carote, porro, sedano e sale marino grezzo non trattato)
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1 bustina di zafferano
1 pezzetto di macis (in alternativa noce moscata da grattuggiare)
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaino di buccia d'arancia in granuli essiccata (nel mio caso autoprodotta)
3 cucchiai di tamari bio 
sale marino grezzo non trattato qb
semi di sesamo bianco  qb
acqua qb

Procedimento:

Versate in una capiente terrina di vetro o ceramica il latte di cocco con la polvere d'arancia e lo zenzero in polvere , lo zafferano, il tamari ed il macis, il succo di limone e mescolate. Tagliate il tempeh a cubetti, mezzo radicchio a julienne il porro a rondelle sottili e lo zenzero fresco sbucciato a fettine. Mettete il tutto nella ciotola assieme agli altri ingredienti. Mescolate bene con un cucchiaio di legno e fate riposare la preparazione per mezza giornata in frigorifero rigirando di tanto in tanto. Scaldate quindi una padella larga e bassa mettendo dei semi di sesamo pestati e l'olio evo allungato con 3 cucchiai di acqua. Aggiungete il dado vegetale granulare, quindi versate tutto il contenuto della ciotola in padella, e portate a cottura  a fuoco dolcissimo e pentola coperta fino a ridurre il latte di cocco a metà. Impiattate posizionando il tempeh su del radicchio tagliato a julienne e spolverate con altri semi di sesamo bianco.



16 commenti:

  1. In bocca la lupo per il tuo compagno, mi auguro guarisca presto!
    ...e non ti preoccupare che la foto rende benissimo la bontà del piatto: sapori semplici, ma molto stuzzicanti !!!
    un abbraccio!!! :-) Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mari.in realtà questa foto non rende onore al piatto, comunque era veramente buono.
      un abbraccio

      Elimina
  2. Questa ricetta la apprezzo particolarmente, perchè io al contrario non amo molto il tempeh ma penso dipenda dal fatto che non so bene come cucinarlo, l'ho preso solo due volte e dopo essermi resa conto che mi sapeva un sacco di petto di pollo, l'ho abbandonato e non c'ho mai riprovato se non facendoci delle polpettine, dove perciò era piuttosto camuffato. Ora penso che potrei sfruttare questa somiglianza (che inizialmente mi ha fatto parecchio rabbrividire!) a mio favore, e prepararlo con spezie e latte di cocco è un'idea che mi piace molto. Certo non riuscirò mai a rifarlo identico al tuo, con tutte i condimenti super pregiati e ricercati che usi, ma cercherò di avvicinarmici! ;)
    grazie per aver partecipato ancora, un bacione e in bocca al lupo per la ripresa del tuo compagno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao nocciolina.Si, mi ricordo che tu e il tempeh non avete una storia d'amore...ma il pollo nooooo!!!aiuto!non ci avevo mai pensato.No, in realtà io non saprei ricondurre il sapore del tempeh a nessun altro alimento.riprova ad assaggiarlo, magari ti piace (a me capitò a suo tempo col tofu).sono sicura che ti piacerà in questa versione.il macis puoi sostituirlo con la noce moscata in polvere.
      un bacione anche a te

      Elimina
  3. Nonostante la presentazione (per ovvi motivi) meno particolare del tuo solito, questo piatto ha un'aria molto appetitosa! Anche io adoro il tempeh ;)
    Un bacione e spero vada tutto per il meglio, per te e il tuo compagno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie alice!tempeh addicted anche tu allora!ahaha.
      un abbraccio grande, ti ringrazio

      Elimina
  4. Ho letto il titolo e già mi sono illuminata!!!! adoro il tempeh, la tua proposta è irresistibile, ingredienti perfetti per questa semplice e squisita proteina. Sono felice che tutto si sia risolto, ti ho pensata e speravo che la vostra avventura si risolvesse per il meglio. Ogni nostro incontro speciale va sottolineato, aspetto con curiosità di conoscere Roberto. Invece oggi vi ho presentato Rachele, un incontro speciale ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. feli...grazie cara!i pensieri positivi aiutano tanto.ora vado a leggere il tuo articolo.
      buona giornata

      Elimina
  5. Non ho mai assaggiato il tempeh e mi incuriosisce parecchio. Mi chiedo come possa essere il piatto della stanchezza: con tutte quelle robine buone che ci hai messo avrai lavorato per un po'!! ^_^
    Spero di cuore che il tuo compagno si rimetta presto e apprezzo molto la lezione di vita: ogni situazione deve essere occasione. Brava Vale, sei sempre grande.
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noooo...dai erica,una curiosa come te sui sapori, deve assolutamente assaggiare il tempeh!
      ti ringrazio e un bacio grandissimo anche a te.

      Elimina
  6. Il tempeh lo conosco, l'ho mangiato e mi piace...c'è modo di farlo in casa?? Aspetto il post sul nuovo amico d'ospedale: i crudisti mi affascinano enormemente...più che i crudisti, la cucina crudista: nasconde tecnica e sapori da cui sono attratta. Un bacio cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Cri!certo che si può fare in casa il tempeh.ci vuole la soia gialla e uno starter (che si compra) per farlo fermentare.poi si mette in incubazione.È una di quelle cose che mi riprometto sempre di fare e non mi decido mai!la cucina crudista è tutta da scoprire.
      un bacione grande

      Elimina
  7. Sono contenta che questa settimana di "fuoco" sia passata e pure che tu abbia incontrato un nuovo buon amico di cui ci parlerai ;)
    Il tuo piatto è molto interessante, sarà pure frutto della stanchezza, ma esprime una forte energia :) E sappi che non vado matta per il tempeh!!! Un abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
  8. Accidenti! Spero che i guai siano passati...
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ooh, ciao cara!si, pian piano, a passo di lumaca.un abbraccio a te

      Elimina
  9. ciao Leti, grazie mille.il tempeh è un alimento controverso in effetti.sono felice che così ti sia piaciuto.
    un abbraccio fortissimo anche a te e buon fine settimana.

    RispondiElimina