lunedì 3 novembre 2014

Dolcetti del riciclo crudisti


Ogni giorno facendo colazione con il succo che mi regala l' estrattore, mi rimane la fibra di frutta e verdura. Per non sprecarla, spesso faccio dei dolcetti aggiungendo delle frutta essiccata ( prugne, bacche di goji, albicocche, fichi ) e madorle, noci, macadamia etc. senza aggiungere dolcificanti.
Chi non ha l' estrattore, può usare direttamente la polpa di frutta e verdura indicate. Per la cottura, se non disponete dell' essicatore, potete cuocere in forno a temperatura minima 8 meno di 50° ). Verranno comunque buoni!

Ingredienti ( per 10 dolcetti ):

80 g di fibra prodotta dall' estrattore di succhi ( 2 carote, 2 mele, 1 zucchina )
4 cucchiai di mandorle ( preventivamente messe in ammollo )
2 cucchiai di polvere di carruba
1 cucchiaio di farina di cocco
6 albicocche essiccate reidratate in acqua 
1 pizzico di sale marino integrale
1 pizzico di vaniglia bourbon in polvere 

Procedimento:

Semplicissimo! Mettete nel mixer le mandorle con le albicocche e cominciate a frullare ad intermittenza per non surriscaldare gli ingredienti ( se avete la fortuna di possedere un tritatutto ultrapotente tipo blendtec, che trita in modo ultraveloce siete a posto ). Se come me, ne siete sprovviste, frullate ad intermittenza. Aggiungete tutti gli altri ingredienti e mixate fino ad amalgamare il tutto. Dovrete ottenere un composto sodo. Formate delle palline, poi schiacciatele fino ad ottenere una specie di crocchetta. Mettete in essicatore con programma crudista fino a raggiungere la consistenza desiderata ( io li ho tenuti per 3 ore ). Se li mettete in forno, controllate di tanto in tanto. 


19 commenti:

  1. Sono bellissimi! Da provare.

    RispondiElimina
  2. Ottima idea per riciclare la polpa di mele e carote dei beveroni che ingurgito al mattino!!
    Che golosità con le albicocche essiccate!! :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si Mari! In tempi di crisi, non si butta via nulla... Grazie

      Elimina
  3. Bellissimi, li provo presto (grazie per aver scritto anche dell'opzione forno)...immagino si possa usare anche il residuo della centrifuga, vero? la mia è piuttosto vecchia e cerco sempre un modo per recuperare i suoi eccessivi "scarti" :-)
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela. Certo che si può usare anche lo scarto della centrifuga. Magari aumenterei di un cucchiaio la farina di cocco, per tenerli più sodi perchè lo scarto della centrifuga è più bagnato di quello con l' estrattore. Se provi, poi fammi sapere. Ah, per farina di cocco, io intendo quella impalpabile, che sembra tipo farina di riso. Non il cocco rapè (grattuggiato). In caso ne fossi sprovvista, puoi fare un cucchiaio di cocco rapè ed uno di amido di riso per legare.
      Ciao e grazie.

      Elimina
  4. Ehh no, ora che ho l'essiccatore, i biscotti crudisti non me li toglie nessuno ^_^ Proprio nessuno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, ehe... lo so! immagino. ti conosco. non vedo l' ora di vedere la tua versione. Un bacione

      Elimina
    2. Voglio l'estrattore di succo. Ti prego aiutami ^_^

      Elimina
  5. Queste sono ricette che sono curiosa di assaggiare, con ingredienti che devo ancora scoprire... la mia sete di conoscenza non si ferma e vuole toccare tutto con mano e palato, come i bambini... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, buongiorno! La cucina crudista è tutta da scoprire anche per me. Ho frequentato un corso poco tempo fa, e ora sto iniziando pian piano a sperimentare. Grazie per essere passata...

      Elimina
  6. Ciao! Per prima cosa per estrattore cosa intendi: la centrifuga?? Sai che mi hanno contattata per un contest crudista vegano (a me? :-)....ora devo approfondire di più il discorso, mi sa che verrò a farti qualche visita! Un bacio cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Cri! No, l' estrattore è a bassa velocità, mentre la centrifuga è ad alta velocità. L' estrattore dipende dal modello, ma va in media a 40 giri. Tu dirai, e quindi? quindi, i vantaggi sono molti. Prima di tutto, il succo è molto meno schiumoso quindi dalla frutta (o verdura), ricavi molto più succo. lo scarto è più secco. Inoltre girando lentamente, la frutta non si surriscalda e non si ossida e non si perdono le vitamine come invece accade con la centrifuga. con l' estrattore bevi succhi limpidi e più "vivi", più vitali. Hanno un sapore molto più buono. Ma ti hanno contattata per partecipare al contest, o per fare da padrona di casa? Se hai bisogno comunque ho fatto da poco un corso di cucina crudista.,Contattami pure (anche su facebook se vuoi). Sono parole vegetali anche li. Così ti spiego un po di cose. Un bacio a te.

      Elimina
  7. Fantastica Vale! Le tue ricette oltre ad essere fantastiche contengono sempre buoni consigli come in questo caso. Sei bravissima tesorina e poi sai che che oltre alle ricette mi piaci anche tu :-) Complimenti!
    Un bacione e a prestissimo
    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. divento rossissima... un bacione fede e buon inizio settimana!

      Elimina
  8. Golosi, invintati.... prima o poi avrò l'estrattore così anch'io sarò "costretta" ad usare gli scarti... anzi vedo l'ora di dover avere la necessità di smaltire scarti di fibre e.... correrò da te a riguardare queste golosità ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Feli... io lo so che tu con l' estrattore, creeresti delle ricette spettacolari!

      Elimina
  9. Grazie per questa utilissima ricetta del riciclo. Ho una centrifuga che produce un sacco di scarti e proverò queste delizie!!! Un dolce bacino :)

    RispondiElimina