lunedì 11 agosto 2014

Crostata di albicocche



Perdonate la mia scarsa presenza dell' ultimo periodo, ma qua in campagna ho la connessione ballerina. Inoltre cucino, ma prediligo piatti poco elaborati. La natura mi assorbe totalmente e preferisco guardare i colori di alberi, prati e montagne, che il monitor del pc.
Questa comunque è una crostata che ho fatto settimana scorsa piaciuta parecchio. perdonate la qualità della foto. Un caro saluto a tutti voi.

                                               Ingredienti per la frolla:

100 g di farina integrale
50 g di farina di cocco fine
80/100 g di latte di riso non aromatizzato
1 cucchiaio di amido di mais
4 cucchiai di burro di cacao
1 cucchiaio di tahine
1 cucchiaio di zucchero integrale di canna mascobado
1/2 cucchiaino di lievito per dolci vegan
1 pizzico di sale integrale
1/2 cucchiaio di scorza grattuggiata di limone bio
2 cm di bacca di vaniglia del madagascar

                                               Ingredienti per la farcia:

300 g di composta di albicocche
6 albicocche mature
zucchero di canna integrale mascobado qb

                                               Procedimento:

Mescolate le due farine con l' amidi di mais ed il lievito. Aggiungete la buccia grattuggiata del limone, lo zucchero ed il sale. Aprite la bacca di vaniglia, grattatatene i semi contenuti ed aggiungeteli. Sciogliete a bagno maria il burrocacao, lasciatelo intiepidire ed incorporatelo alle farine. Lavorate il composto aggiungendo anche il tahine. Aggiungete il latte pian piano fino ad ottenere un panetto sodo che farete riposare in frigorifero in una terrina di ceramica coperta da pellicola per 30 minuti almeno. Toglietela dal frigorifero e stendetela fra due fogli di carta forno con un mattarello. Trasferite la frolla in uno stampo a cerniera e bucherellate il fondo con le punte di una forchetta. Farcitela con la composta di albicocche. Ripiegate verso l' interno l' eccedenza di frolla. Tagliate le albicocche a spicchi e disponetele a raggiera sulla torta.Spolverate con zucchero di canna. Infornate in forno caldo a 180 gradi e cuocete per 20 minuti circa


11 commenti:

  1. Voglio questa crostata. Ora!!! Da assaggiare guardando i colori della natura.
    Sei speciale Valentina. Grazie per questo saluto.
    Un abbraccio fortissimo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao stella! grazie. un mega abbraccio.

      Elimina
  2. La frolla mi ispira un sacco: hai abbinato diversi ingredienti (cocco, tahin, burro di cacao, vaniglia) che ho usato separatamente, ma mai insieme nella base per una crostata! Mi piace davvero tanto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao manuela, benvenuta! ho usato tahinr e burro di cacao come parte grassa, la vaniglia e la scorza di limone per profumare la frolla, e la farina di cocco per conferire un aroma particolare. Grazie e passa ancora a trovarmi.

      Elimina
  3. sembra ottima! con le albicocche belle mature dev'essere un tripudio di sana dolcezza. Molto interessante la frolla! Non ho mai usato il burro di cacao: vedo che lo usi in sostituzione alla margherina o all'olio, ma può essere usato anche nei salati o l'aroma del cioccolato è molto marcato? grazie, ciao! MARI :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao carissima. Come stai? io il burro di cacao lo uso spesso anche nel salato. Per esempio per mantecare i risotti è spettacolare. Un bacione e scusate tutte se sono latitante in questo periodo. Mi rifarò viva da settembre con continuità. Un abbraccio

      Elimina
  4. Ti capisco, anche io latito un pò dal web ultimamente...sia per colpa del maltempo che crea problemi di connessione, che perché quando finalmente esce il sole preferisco approfittare ed andarmene al mare :)
    Ci credo che questa crostata è piaciuta...il mix di ingredienti fa pensare a qualcosa di davvero buono. Un abbraccio a presto!

    RispondiElimina
  5. Mai usata la crema di sesamo nelle frolle-basi per crostate. Si sente il gusto amarognolo?
    Che bello saperti assorta nella natura...noi siamo stati 12 giorni in tenda tra le montagne selvagge della Majella e sentivo davvero il richiamo dei lupi. <3 Tornare a casa è stato traumautico, sebbene noi abitiamo in campagna e siamo circondati da campi e colline, Mi consolo con quintalate di fichi direttamente presi dalle nostre piante. :)
    Baci

    RispondiElimina
  6. Ah!! Un'altra cosa! Ti invito col cuore a questa mia piccola iniziativa sul tema del riciclo creativo e del riuso....dai un'occhiata qui! ;)
    http://www.naturalentamente.it/1500-like-festeggiamo-suon-riciclo-creativo/
    Baci

    RispondiElimina
  7. Anch'io sono poco presente :) Ricetta spettacolare, come sempre, Vale... Baci e a presto!

    RispondiElimina
  8. vale che meraviglia! era un po' che non passavo dal tuo blog, e guardando un po' di ricette mi è venuta voglia di leggermele tutte!! laura

    RispondiElimina