giovedì 21 novembre 2013

sformato venere e catalogna su crema di zucca (e una soddisfazione)



Avevo del riso venere.Un pezzo di zucca, della catalogna e degli azuki rossi.Che fare?Un gustoso piatto unico.
La soddisfazione?che lo chef Giuseppe Capano ( fra le altre mille cose che fa, ha un blog e realizza ricette per salute naturale ), nel post sulla maionese senza uova, mi ha citato perchè avevo dato alcuni suggerimenti sulla perfetta riuscita della veg-mayo.Scusate se mi autocelebro oggi, ma mica è una roba da tutti i giorni.L'articolo in questione, potete leggerlo QUI


Ingredienti per 2 sformati :

2 pugni di riso venere bio già bollito
150 g di catalogna ( pesata già bollita e strizzata )
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaino di paprika dolce
sale nero di cipro in fiocchi qb
burro di cacao micronizzato in polvere qb

Ingredienti per la crema di zucca :

250 g di zucca ( pesata già cotta senza buccia e semi )
2 cucchiai di olio di noci ( bio e spremuto a freddo )
3 castagne essicate morbide
1 cucchiaio di aghi di rosmarino fresco tritato
sale marino danese affumicato naturalmente qb
pepe sarawak qb

Ingredienti per gli azuki :

2 pugni di azuki rossi
1 pezzetto di alga kombu
1 foglia di alloro
acqua qb
olio evo ( nel mio caso da olive taggiasche )
sale marino non raffinato qb
pepe penja affumicato qb

Ingredienti per la guarnizione :

1 pezzo di porro
farina di riso qb
olio di arachide qb

Preparazione dello sformato :

Mettete nel boccale del frullatore ad immersione il riso già cotto, la catalogna tagliata a pezzetti,  paprika succo di limone olio e sale e frullate fino ad ottenere un composto abbastanza liscio.Spolverate di burro di cacao in polvere, due stampi da muffin in silicone quindi riempiteli col composto preparato e fate cuocere in forno caldo in modalità statica a 180° per 15 minuti circa ( fate la prova stecchino ).Sfornate e fateli raffreddare completamente prima di estrarli dagli stampi.

Preparazione degli azuki ( da fare il giorno prima ) :

Risciacquate gli azuki sotto l'acqua fresca, quindi metteteli a mollo in un contenitore in ceramica con un pezzetto di alga kombu ( circa 3 cm ).Lasciateli a bagno per 12 ore.Scolateli e poneteli a cuocere senza sale in una quantità di acqua pari al doppio del loro volume con l'alga e la foglia di alloro.Una volta cotti conditeli con un filo di olio evo, un pizzico di sale non trattato e del pepe macinato al momento.

Preparazione della crema di zucca :

Tagliate la zucca ancora calda a pezzi e mettetela nel boccale del frullatore ad immersione con l'olio di noci, le castagne tagliate a pezzetti e del sale affumicato.Frullate fino ad ottenere una crema liscia.Aggiungete pepe a piacere macinato al momento, il rosmarino e mescolate bene.Tenete il contenitore coperto in modo da tenere in caldo così eviterete di scaldare la preparazione sul fuoco e non altererete le benefiche proprietà dell'olio di noci.

Preparazione della guarnizione di porri :

Tagliate finemente il porro ( nel senso della lunghezza ) a julienne, passatelo nella farina di riso e friggetelo nell'olio di arachide.Scolate e mettetelo su della carta assorbente.

Assembliamo il piatto :

In un piatto da portata, mettete sul fondo della crema di zucca, al centro lo sformato leggeremente scaldato con sopra i porri, qualche azuki e un ciuffo di rosmarino.In quattro punti della crema di zucca adagiate altri azuki.Guarnite il bordo del piatto con del sale nero di cipro e del pepe sarawak e servite.














25 commenti:

  1. Miseria, questa sì che è una soddisfazione! :D
    Adoro Capano, crea sempre delle ricette meravigliose per Cucina naturale!
    Il tuo sformato starebbe benissimo nelle pagine della rivista, è splendido!
    Complimenti!
    Bacioni! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao kati.capano è uno degli chef che conto sulle dita di una mano, che stimo perchè fa dei piatti della madonna,ma non ha quell'aria da "me la tiro sono tutto io e voi chi siete?"semplicità e gusto.e poi è anche molto educato e gentile (il che non è un fatto tanto scontato).
      grazie comunque dei complimenti per la mia ricetta.
      bacio

      Elimina
    2. A me piace tanto anche Salvini, un toscanaccio doc! :-)

      Elimina
    3. salvini è nella lista anche lui...ho il libro ed è una continua fonte di ispirazione per me.p.s. a breve vado al joia a mangiare (anche se so che lui non c'è più lì).
      ciao katy

      Elimina
  2. Fai bene a sentirti soddisfatta: sei bravissima e piena di idee originali! La tua cucina sforna piatti deliziosi! Anche questo sformato dev'essere una delizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mari.bravissima mi sembra veramente troppo.diciamo che me la cavo...un bacione

      Elimina
  3. Complimenti mia cara, per essere stata citata e non solo, anche per questa tua ennesima ricetta cinque stelle ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao leti.cinque stelle????wowwww!!!!grazie cara

      Elimina
  4. Ciao Valentina,
    come vedi sono passato a vedere,
    una ricetta molto interessante e, naturalmente, grazie di cuore per tutte le considerazioni espresse!
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giuseppeeeee!!!!!ti ringrazio veramente tanto per essere passto nel mio spazio.
      grazie di cuore a te.

      Elimina
  5. Anvedi la Vale!!!! :D Molto happy per te, che figanza!!! :D
    Questo piatto ha un'enorme pecca: la tua precisione nell'impiattare che verrebbe distrutta in un nanosecondo dalle mie fauci ;) La catalogna è uno di quei cibi che ho imparato ad apprezzare da adulta (posso definirmi tale?! NO) e che in questa stagione spazzolo veramente volentieri ^_^
    Buon fine settimana bloggercitatadaunochefffffff <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi immagino le fauci.per la catalogna idem...da piccola la sputavo!
      buon fine settimana anche a te cara cesca.

      Elimina
  6. Complimenti per la citazione dello chef ma anche per questa ricettona!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. ma ciaoooo...aspetto la ricetta del venerdì con gaia.l'hai messa oggi?
    un abbraccio grande a te

    RispondiElimina
  8. Ho.... TUTTOOOOOOOOO!!!!! Zucca, azuki rossi, riso venere (non bollito, ma mi sacrifico ^_^ ), porro..... e questo piatto mi fa golissima! Complimenti per la tua grande soddisfazione. Ti dovrebbero venerare come una creativa da manuale, altroché stupirsi! Grande!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai erica....che esagerazione!

      Elimina
    2. mi era partito il commento e non era finito.volevo dire...che esagerazione creativa da manuale.sono una cuoca con tanta passione.se rifai la ricetta fammi poi sapere com'è andata.
      un bacione

      Elimina
  9. Complimenti per la citazione... fai benissimo ad autocelebrarti, è una grande soddisfazione e fammo sempre piacere, sono gratificanti e ci aiutano a continuare a coltivare la nostra passione.
    La ricetta è spettacolare, come sempre ben costruita con abbinamenti perfetti... bellissimo e squisito questo sformato di venere.... Adoro il riso venere ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. feliiii....mi ero persa il tuo commento!anch'io adoro il riso venere e lo mangio (non spesso perchè costa una cifra....).grazie per le tue belle parole, sei sempre dolce.
      un abbraccio

      Elimina
  10. Che brava vale! Mi fatto venire in mente che in dispensa ho proprio un sacchetto di questi fagioli complimenti! Sei sempre più brava e mi piace un sacco! Ciao, un bacione a presto
    Federica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao romagnolina bella!sono buoni gli azuki eh?io li adoro...grazie.
      un bacione anche a te

      Elimina
  11. è magnifico! adoro tutti gli ingredienti che hai usato, dal burro di cacao (micronizzato?? non conosco..) al venere, alla zucca e poi gli ottimi azuki... un tripudio di bontà :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, ciao!vedo che hai messo come avatar i tuoi splendidi cake pops...li adoro!il burro di cacao micronizzato è puro burro di cacao in polvere (io ho quello della callebaut si chiama mycrio).
      grazie, che bella espressione tripudio di bontà.

      Elimina